Osteria Locandina Cappello | LA TRADIZIONE
ristorante osteria vino verona locandina carne cena pesce primi secondi prosecco aperitivo serata
6334
page-template-default,page,page-id-6334,edgt-cpt-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,homa-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,ribbon_menu_enabled,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

PECORA BROGNA

La pecora brogna è l’unica razza autoctona della montagna veronese sopravvissuta all’estinzione.

La pastorizia è sempre stata un’attività fondamentale per le genti della Lessinia a partire dal Neolitico. La storia degli allevamenti ovini si interseca con le vicende umane e con l’economia rurale lungo il Medioevo fino ai giorni nostri

La storia della pecora brogna si intreccia strettamente con tutta l’attività antropica del territorio della Lessinia e si dimostra complementare ad essa, non solo nel settore della produzione e commercializzazione dei suoi derivati, ma anche come valido partner nell’opera di salvaguardia dell’ambiente naturale, quale strumento privilegiato contro la continua avanzata del bosco e degli arbusti spinosi, favorendo la pulizia dei pascoli scoscesi e il consolidamento dei fondi agricoli.

GALLINA GRISA

La ‘galina grisa‘ e’ un volatile tipico delle zone della Lessinia, ovvero, le colline e montagne

che dividono la pianura dalla catena alpina che corre a nord di Verona.

Essa prende il nome dal colorito e caratteristico manto piumato bianco, nero e grigio dove ‘grisa’ tradotto dal dialetto Veronese significa appunto ‘grigia’.

La sua versatilita’ e facilita’ d’allevamento ne ha incrementato la diffusione nella seconda meta’ del XVIII secolo, sopratutto nell’America del nord essendo la Grisa un ceppo dellla razza americana ‘Plymouth Rock Chicken’ allevata per la predisposizione al freddo oltre che possedere un ottimo indice di produzione sia di uova che di carne.

Ma cio’ che piu’ caratterizza la Grisa della Lessinia e’ la sua storia. Una leggenda narra che durante la seconda guerra mondiale i soldati tedeschi rubarono tutti i galli di questa razza facendola praticamente sparire dalle nostre zone e per molto tempo se ne siano praticamente perse le trace; fino a quando con il nuovo millennio grazie ad un’associazone locale per l’allevamento sostenibile e biologico, la grisa ha iniziato piano piano a ripopolare le nostre zone.